Aria di vetro

 

                                                             Forse un mattino andando in un’aria di vetro, 

                                                                 arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo                                                                      il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro...

                                                                 E. Montale, Ossi di seppia

 

Il vetro si pone come uno schermo davanti all'osservatore lasciando trapelare solo alcuni frammenti di un'immagine: un paesaggio deformato da infiniti riverberi di luce estesi nel campo visivo.

L'opera, formata da un vetro dipinto e da una stampa realizzata in camera oscura, esiste nella sovrapposizione di questi due elementi e separandoli verrebbe alterata la visione dell'immagine.

Il vetro rappresenta l'inevitabile convivenza con i dispositivi tecnologici presenti nella nostra vita, i quali ci permettono di accedere solo ad alcuni frammenti del reale oscurando tutto il resto, mettendo in dubbio la comprensione del mondo circostante e ponendo interrogativi sulle immagini sfuggenti che osserviamo.

 

The glass is placed like a screen in front of the observer while some fragments of an image pass through its surface: a landscape deformed by infinite glares of light extended in the visual field.

The work, composed by a painted glass and a darkroom print, exists in the overlap of these two elements, and separating them would alter the vision of the image.

The glass represents the inevitable coexistence with the technological devices ever present in our lives, which allow us to access to some fragments of reality obscuring everything else, questioning the understanding of the surrounding world and the elusive images we observe.